lavoro e conciliazione modello di ScosseSembra già un miracolo che tu abbia un lavoro, precario o in regola, e quindi sei disposto/a a qualsiasi sacrificio pur di tenerlo stretto, compreso sottrarre tempo alla cura degli affetti e delle relazioni intime.

Ma è necessario essere disposti/e a tutto quando abbiamo un lavoro?

Davvero le aziende ci guadagnano a farci lavorare come polli in batteria? Quanto costa alle piccole e medie aziende andare incontro ai bisogni di lavoratori e lavoratrici?

Questi sono gli interrogativi a cui abbiamo trovato soluzione nel percorso biennale di SCOSSE che si conclude oggi: un programma di attività pensate per le piccole e medie aziende, rivolto alle/ai dipendenti nell’ottica di migliorarne le qualità di vita, le condizioni di lavoro e, allo stesso tempo, di favorire la produttività dell’azienda, e realizzato grazie a un progetto di conciliazione.

Coordinato dalla presidente di SCOSSE Monica Pasquino, con la collaborazione delle socie dell’associazione Emanuela Marras e Paola De Nigris e Luna Sanchini, il progetto è stato realizzato nel territorio romano e sostenuto dalla Regione Lazio grazie all’Avviso Pubblico “Realizzazione di Interventi in impresa volti a favorire la conciliazione tra vita familiare e vita lavorativa in un’ottica di flexicurity”, per un importo complessivo di 130mila euro.

Abbiamo realizzato un modello pilota di attività e supporti che sono adattabili alle esigenze di aziende diverse, anche con budget limitati, per favorire la conciliazione e valorizzare i/le dipendenti.

Le misure realizzate consistono in agevolazioni per asili nido e dopo-scuola, progettazione di spazi specifici per il relax delle neomamme, gestione autonoma dei turni, adozione di contratti part-time reversibili, incentivi per i/le dipendenti con figli, attivazione di sportelli di counseling e ascolto per le famiglie dei/delle dipendenti, laboratori di auto-narrazione con personale specializzato, corsi di formazione e di aggiornamento gratuiti.

Abbiamo realizzato più di di 500 ore di attività e raggiunto oltre 200 destinatari.

Ci teniamo a ringraziare la rete di esperienze sociali e professionali del Quinto Stato, la NIDIL CGIL di Roma, il Cilap Eapn Italia, la Fondazione Cercare Ancora, l’Associazione Altramente, lo spazio sociale Scup e la Fondazione Integra/Azione, che nel corso degli ultimi anni sono stati interlocutori preziosi di SCOSSE sui temi del lavoro e del non lavoro, del welfare di nuova generazione e della la genitorialità precaria e che quindi hanno implicitamente contribuito alla ideazione del modello.

Cercare una conciliazione tra vite e lavori, sperimentare soluzioni pratiche e intelligenti, trovare un equilibrio tra le esigenze aziendali e i desideri delle persone non costa di più per l’impresa: la migliora e produce felicità al suo interno.

Associazione SCOSSE, 2014 anno europeo per la conciliazione famiglia-lavoro

 

Stampa Stampa
educare alle differenze eventi

educare alle differenze 2

Coworking

Progetti dedicati all'adolescenza

Formazione infanzia

Leggere senza stereotipi

Huffingtonpost Monica Pasquino

Partecipa

Coworking