fammi capire

SCARICA QUI la bibliografia completa del progetto “Fammi capire”

Il progetto

FAMMI CAPIRE è un progetto a cura di SCOSSE e della libreria Ottimomassimo dedicato all’analisi delle rappresentazioni dei corpi e delle sessualità, all’educazione emozionale e affettiva nei libri illustrati 0-18 anni. È nato nel 2016 a partire da alcune semplici domande: quali libri possiamo offrire a famiglie e insegnanti che ci chiedono aiuto per parlare ai bambini e alle bambine del proprio corpo? Quali suggerimenti abbiamo per loro quando domandano immagini e testi per spiegare cosa succede ai loro corpi quando crescono? In che misura le proposte editoriali tendono a omologare, censurare e giudicare?

FAMMI CAPIRE propone un approccio ai corpi e alle sessualità guidato dalla curiosità e dalla ricerca del piacere per un’educazione al desiderio e alla complessità. Uno sguardo che dia spazio a tutti i corpi, nella loro diversità, così come ai diversi modi di vivere e di amare, che aiuti, attraverso le parole e le immagini, a capire quali sono le emozioni che il nostro corpo esprime e suscita; a parlare di sessualità a ragazze e ragazzi per dar loro gli strumenti per conoscersi e prevenire la violenza di genere lavorando sul concetto di consensualità e combattendo la cultura del possesso e del controllo.
Per questo si è scelto di effettuare un’indagine e una rilettura critica sui libri illustrati per l’infanzia e l’adolescenza pubblicati oggi e nel passato in Italia e all’estero.

Il progetto ha portato alla realizzazione di una mostra itinerante che presenta una ricca selezione bibliografica internazionale. Libri tra cui spiccano alcuni introvabili classici degli anni ’70 insieme a nuove interessanti proposte dell’editoria italiana e straniera, selezionati attentamente per rifuggire da modelli eteronormativi e binari, esclusivi ed escludenti.
Accanto ai libri, in mostra le tavole donate a sostegno del progetto da illustratori e illustratrici che hanno reinterpretato con il loro segno la copertina di Fammi vedere! Un libro fotografico di educazione sessuale non conformista per bambini e grandi (Savelli 1979) che dà il titolo alla mostra: Ricard Aranda, Elena Baboni, Daniela Berti, Silvia Cabestany, Andrea Calisi, Susanna Campana, Cecilia Campironi, Francesca Crisafulli Mook, Fabrizio Di Baldo, Massimiliano Di Lauro, Vittoria Facchini, Fausto Gilberti, Coco Guzman, Bambi Kramer, Chiara Pasqualotto, Cristina Portolano.

La volontà di superare stereotipi e tabù si riflette anche sul metodo di lavoro seguito nella costruzione del progetto attraverso la realizzazione di incontri di approfondimento e riflessione: le conversazioni.
Incontri informali, organizzati con piccoli gruppi di persone di diverse fasce d’età, esperienze personali o professionali, con lo scopo di individuare buone pratiche e criticità nell’affrontare il tema del corpo e dei diversi modi di vivere la sessualità e il piacere, a partire dai libri illustrati della bibliografia.
Letture e laboratori accompagnano invece bambine e bambini in questo percorso di conoscenza e scoperta.

Dalla ricerca nasce inoltre l’idea di una pubblicazione che presenti il catalogo bibliografico e analizzi l’esperienza educativa e le rappresentazioni dei corpi e delle sessualità che si propongono a bambini e bambine, ragazzi e ragazze.

info
www.scosse.org
infoscosse@gmail.com
stabile@ottimomassimo.eu

DONAZIONI: questo progetto è autofinanziato. Se si vuole partecipare ogni donazione è benvenuta!
Conto corrente N° 1000/00077425
presso Banca Prossima filiale 05000 di Milano
intestato a SCOSSE SOLUZIONI COMUNICATIVE STUDI SERVIZI EDITORIALI
Codice IBAN: IT20H0335901600100000077425

Articoli correlati

Fammi Capire: il nuovo progetto di Scosse e Ottimomassimo

“Fammi capire” va alla Bologna Children’s Book Fair

Fammi capire al festival “Le ragazze sono in città”

FAMMI CAPIRE, Mostra bibliografica e di Illustrazioni (INQuiete)

“Fammi capire” lungo il fiume

Stampa Stampa
educare alle differenze eventi

educare alle differenze 2

Coworking

Progetti dedicati all'adolescenza

Formazione infanzia

Leggere senza stereotipi

Huffingtonpost Monica Pasquino

Partecipa

Coworking